Stagione di Prosa 2017-2018 organizzata dal Comune di Predazzo - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento



Prende il via il 20 dicembre la “Stagione di Prosa 2017-2018”, organizzata dal Comune di Predazzo con la preziosa collaborazione del Coordinamento Teatrale Trentino. Quattro spettacoli, tre dei quali proposti anche alle scuole con esibizioni mattutine dedicate agli studenti, per riflettere su temi di grande attualità: guerra, giustizia sociale, emigrazione giovanile e emancipazione femminile sono gli argomenti che verranno affrontati con la leggerezza e la profondità tipiche del linguaggio teatrale, capace di veicolare contenuti importanti senza annoiare.

Il palcoscenico sarà quello del rinnovato Cinema Teatro: “La recente ristrutturazione ci permette di offrire una proposta culturale che va a completare e integrare quanto già organizzato dalle associazioni locali. Con il futuro ampliamento dei camerini, previsto dal secondo lotto di lavori, la nostra futura proposta teatrale potrà essere ancora più ampia e completa”, sottolineano, a nome dell’intera Amministrazione, la sindaca Maria Bosin e l’assessore alla Cultura Giovanni Aderenti. “Siamo, quindi, orgogliosi e, non lo nascondiamo, anche un po’ emozionati nel presentare la nostra “Stagione di Prosa”, aggiungono i due amministratori.

Primo appuntamento il 20 dicembre con “Gemma” dell’Associazione LuHa Art Survival Kit, uno spettacolo storico-biografico su una nobildonna che ha rintracciato migliaia di soldati austriaci di lingua italiana prigionieri in Russia durante la Grande Guerra, riuscendo a metterli in contatto con le loro famiglie e, più tardi, a farli rientrare in Italia. Il 5 gennaio è la volta di “La buona novella” con il Coro Polifonico Malatestiano di Fano, che prende spunto dall’omonimo album di Fabrizio De André. Il 23 febbraio in scena ci sarà “Invisibili generazioni” di Elementare Teatro, che dà voce ai giovani che emigrano lasciandosi alle spalle famiglia e amici, raccontandone fatiche e speranze. Infine, l’8 marzo Multiverso Teatro propone “Una stanza tutta per sé”, monologo teatrale tratto dal saggio di Virginia Woolf, che affronta con ironia e leggerezza i temi della creatività e dell’emancipazione femminile.

Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 21. Gli abbonamenti (30 euro intero, 20 euro ridotto) possono essere acquistati presso le Casse Rurali Trentine fino al 20 dicembre, giorno del primo spettacolo. I biglietti per le singole date costano 8 euro (5 euro il ridotto per ragazzi fino a 18 anni, studenti universitari, iscritti UTETD e over 65) per tutti gli spettacoli, tranne per “La buona novella”, per il quale è previsto un unico biglietto a 12 euro. I biglietti possono essere acquistati in prevendita presso gli sportelli delle Casse Rurali del Trentino fino alle ore 15.30 del giorno di programmazione dello spettacolo, sul sito www.primiallaprima.it o direttamente il giorno dello spettacolo dalle 20 alle 21 presso la biglietteria del teatro.

Ulteriori informazioni: in biblioteca comunale (tel.0462 501830) o sul sito www.comune.predazzo.tn.it .

addetto stampa: Monica Gabrielli - 340.8551994 - monicagabrielli@gmail.com

---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ----

È con soddisfazione e, non lo nascondiamo, un pizzico di emozione che vi presentiamo la “Stagione di Prosa 2017-2018”, organizzata dal Comune di Predazzo con la preziosa collaborazione del Coordinamento Teatrale Trentino. La ristrutturazione del Cinema Teatro, che ha ridato al paese una sala degna e polifunzionale, ci permette di offrire una nuova proposta culturale, che vuole completare e integrare quanto già organizzato dalle associazioni locali.

Abbiamo scelto quattro spettacoli incentrati su tematiche di grande attualità, perché siamo convinti che il teatro, oltre ad essere occasione di svago e divertimento, debba riuscire a trasmettere contenuti e, soprattutto, fornire occasioni di riflessione e confronto. La guerra, la giustizia sociale, l’emigrazione giovanile e l’emancipazione femminile, vengono affrontate con la leggerezza e la profondità tipiche del linguaggio teatrale, capace di veicolare contenuti importanti senza annoiare.

Tre dei quattro spettacoli saranno proposti anche alle scuole, con esibizioni al mattino, perché siamo convinti che ci sia bisogno di un’educazione al teatro, spesso snobbato dalle nuove generazioni, alle quali, invece, dobbiamo essere capaci di offrire occasioni nuove e diverse per riflettere su tematiche che le riguardano da vicino.

Da sottolineare che questo è… solo l’inizio! Il secondo lotto di lavori al Cinema Teatro prevede l’ampliamento dei camerini, cosicché la proposta teatrale futura potrà essere ancora più ampia e completa.

Sperando che questa prima scelta di spettacoli sia di vostro gradimento, ci auguriamo di incontrarvi a teatro!

     IL SINDACO                                           ASSESSORE ALLA CULTURA
Maria Bosin                                                    Giovanni Aderenti

PREZZI E ABBONAMENTI
ABBONAMENTI A 4 SPETTACOLI
Intero € 30,00
Ridotto* € 20,00
INGRESSI
Per tutti gli spettacoli ad eccezione dello spettacolo “La Buona Novella”
Intero € 8,00
Ridotto* € 5,00
Per lo spettacolo “La Buona Novella” Ingresso unico € 12,00
INGRESSI PER LE SCUOLE
Ingresso unico € 2,00

* - Le riduzioni sono riconosciute a: ragazzi fino ai 18 anni, studenti universitari, iscritti Uted e anziani over 65 anni

INFORMAZIONI
Tutti gli spettacoli avranno luogo presso il Cinema Teatro Comunale di Predazzo, con inizio alle ore 21.00. Gli spettacoli riservati alle scuole avranno inizio alle ore 11.00.
PREVENDITA ABBONAMENTI:
da lunedì 13 novembre a mercoledì 20 dicembre 2017 presso gli sportelli delle Casse Rurali del Trentino per l’acquisto degli abbonamenti.
PREVENDITA BIGLIETTI:
a decorrere da lunedì 20 novembre 2017 presso gli sportelli delle Casse Rurali del Trentino fino alle ore 15.30 del giorno di programmazione dello spettacolo o del venerdì precedente se lo spettacolo è programmato di sabato o di domenica.
Il servizio è offerto a titolo gratuito dalle Casse Rurali Trentine.
ORARIO BIGLIETTERIA TEATRO:
il giorno dello spettacolo dalle ore 20.00 alle 21.00.
ULTERIORI INFORMAZIONI:
presso la Biblioteca Comunale di Predazzo - tel. 0462 501830 - www.comune.predazzo.tn.it
AGEVOLAZIONI ABBONATI:
  • la riduzione prevista agli studenti per assistere a tutti gli spettacoli proposti nelle altre piazze del Coordinamento Teatrale Trentino: Ala, Aldeno, Arco, Borgo Valsugana, Brentonico, Cavalese, Cles, fondo, Grigno, Lavis, Ledro, Mezzolombardo, Mori, Nago-Torbole, Pergine Valsugana, Pinzolo, Predaia, Riva del Garda, Romeno, Rovereto, Sarnonico, Spiazzo, Tesero, Tione di Trento e Trento (per tutta la programmazione della stagione);
  • l’ingresso a prezzo ridotto a tutti gli spettacoli programmati dal Teatro Stabile di Bolzano a Bolzano previa prenotazione telefonica.
---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ----
mercoledì 20 dicembre 2017 - ore 21.00
ore 11.00 (riservato per le scuole)
Associazione LuHa Art Survival Kit
GEMMA
Spettacolo storico-biografico in quattro quadri
testo di Luisa Pachera con Gelsomina Bassetti e Federico Vivaldi
regia di Ornela Marcon

Gemma Guerrieri Gonzaga nata de Gresti era una nobildonna vissuta tra Roma, Torino e la sua tenuta di San Leonardo nel basso Trentino. Durante la guerra e negli anni a seguire, si è fatta artefice di una grande impresa, quella di rintracciare i soldati austriaci di lingua italiana prigionieri in Russia, di metterli in contatto con le loro famiglie e, più tardi, di farli rientrare in Italia. Dei venticinquemila trentini e adriatici catturati sul fronte orientale, alcune migliaia hanno beneficiato del suo interessamento attivo che è continuato anche dopo la proclamazione della pace e fin quasi alla sua morte. Una storia vera, poco conosciuta, profondamente legata alla difficile identità della gente trentina e altoatesina. Una storia al femminile ambientata nel periodo della Prima guerra mondiale, che non parla però di una sofferente donna in attesa, ma di una donna attiva, che molto ha fatto per i soldati trentini e per la sua terra. Un dramma in quattro quadri, ognuno rappresentativo di un diverso periodo storico cruciale per la terra trentina a cavallo della Grande Guerra.

Realizzato con il contributo di fondazione Caritro, Provincia Autonoma di Trento, Comune di Riva del Garda, Comunità di Valle Alto Garda e Ledro.

---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ----
venerdì 5 gennaio 2018 - ore 21.00
Coro Polifonico Malatestiano di Fano
LA BUONA NOVELLA
di Fabrizio De André - Coro Polifonico Malatestiano di Fano
con la partecipazione di Carlo Simoni
voce solista Elisa Ridolfi, flauto Morena Morico,
clarinetto basso Andrea Romani, fisarmonica Daniele Rossi
progetto scenico Paolo Del Signore
direttore Francesco Santini
elaborazione per solo, coro e strumenti Lorenzo Donati

Con questo spettacolo abbiamo messo in luce quello che pare oggi semplice affermare, cioè che nelle trasformazioni rapide della società, con istanze pressanti di giustizia sociale, “La Buona Novella” di fabrizio De André, composta nel 1970, è potentemente attuale.

Ispirata ai Vangeli apocrifi non canta la salvezza spirituale, ma esalta la figura del Cristo-Uomo, in cui riporre una fiduciosa speranza di fratellanza in un mondo più giusto. Un messaggio rivoluzionario in quanto profondamente umano!

Per queste motivazioni il Coro Polifonico Malatestiano di fano ne ha fatto una produzione teatrale, dove il canto corale dialoga con la voce solista e con la voce recitante, impegnata quest’ultima a ricostruire la vicenda umana e artistica del cantautore, che in quest’opera raggiunge vette altissime di amore per gli umili, gli ultimi, gli straccioni.

---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ----
venerdì 23 febbraio 2018 - ore 21.00
sabato 24 febbraio - ore 11.00 (riservato per le scuole)
Elementare Teatro
INVISIBILI GENERAZIONI
testo e regia Carolina De La Calle Casanova
con Marco Ottolini, Paola Tintinelli, Valentina Scuderi e Federico Vivaldi

Tutti conosciamo qualcuno che è partito, chi in Europa, chi in altri continenti. figli, nipoti, amici emigrano di nuovo per trovare lavoro e progettare una vita, cosa che – dopo la crisi, economica, politica, sociale – qui è sempre più difficile immaginare.

Questa “generazione invisibile” ha diritto a una voce – che abbiamo scelto teatrale – e noi abbiamo il dovere di guardare e vedere la loro fatica e le loro speranze, consapevoli che in un mondo che sta cambiando velocissimamente immaginare soluzioni, proporre nuove politiche, è una difficile impresa.

Invisibili Generazioni è la commedia grottesca e punk che canta di questo cambiamento e come ogni buon cambiamento che si rispetti, questo canto non può che iniziare dal caos.
Carolina De La Calle Casanova

Commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network - TgN.
In collaborazione con Progetto Altrove di Riva del Garda, Trentini nel Mondo di Trento, Primiero Oltre Mondo, Comune di Vallarsa, Comunità della Vallagarina.
Progetto partecipante alla Vetrina delle idee di fondazione Caritro.

---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ---- ----
giovedì 8 marzo 2018 - ore 21.00
ore 11.00 (riservato per le scuole)
Multiverso Teatro con il sostegno di OFF/Sanbàpolis - Residenze Diffuse 2015
Centro Servizi Culturali S. Chiara, Opera Universitaria,
Spazio OFF - Commissione Provinciale Pari Opportunità Provincia di Trento
UNA STANZA TUTTA PER SÉ
con Michela Embriaco
nel video ritratto di Judith Shakespeare, Chiara Maria Cattani
regia e adattamento drammaturgico di Michela Embriaco

Monologo teatrale che affronta con ironia e leggerezza i temi della creatività al femminile, dell’emancipazione attraverso l’indipendenza economica e del riconoscimento del talento.

La riduzione drammaturgica è tratta dal saggio “Una stanza tutta per sé” scritto da Virginia Woolf nel 1929, che rappresenta a tutt’oggi un riferimento fondamentale.

Una donna, una studiosa, deve presentare una conferenza sul tema “la donna e il romanzo”. Non è Virginia che parla, «chiamatemi Mary Beaton, Mary Seaton o qualsiasi altro nome vi piaccia», dirà, spogliandosi della sua identità e anziché fare la conferenza racconterà di come è arrivata ad affermare che per essere scrittrici è necessario conquistarsi una “stanza tutta per sé”. Così facendo emergerà una narrazione dove si intrecciano fatti reali e immaginari, visioni e piccoli fatti quotidiani.

Il progetto è vincitore del bando Residenze Diffuse 2015.


Torna ai contenuti | Torna al menu