L'aperitivo con l'Autore a Predazzo, quest'estate nove appuntamenti - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento



da Morando a Vitali, da Tapparelli a Filippi
a Predazzo 9 appuntamenti dall’11 luglio al 5 settembre

Paolo Morando, vicecaporedattore del “Trentino”, storico e autore di altri due libri sugli anni ’80 e ’70, ha inaugurato giovedì 11 luglio a Predazzo alle ore 17.30 nell’aula magna del municipio, l’Aperitivo con l’autore, organizzato anche quest’anno dalla biblioteca comunale di Predazzo in collaborazione con la libreria Discovery. Il giornalista trentino ha presentato il suo recentissimo “Prima di piazza Fontana: la prova generale”, edito da Laterza, il racconto dettagliato dei mesi che hanno preceduto l’attentato del 12 dicembre 1969, la prova generale della strategia della tensione, una piccola storia ignobile della giustizia italiana in un libro inchiesta a 50 anni dai fatti.
Il secondo appuntamento è per giovedì 18 luglio con Marina Mander autrice del romanzo: “L’età straniera”, Marsilio editori, già selezione del Premio Strega. Con umorismo, scansando i luoghi comuni con la grazia (apparentemente) casuale di un gatto, l’Età straniera regala uno sguardo diverso su come sia possibile incontrarsi con ogni tipo di “straniero”, forse soprattutto con quello (il più spaventoso, repellente, inquietante di tutti) nascosto dentro di noi.
Venerdì 26 luglio (salta l’appuntamento del giovedì a causa della festa patronale) ci sarà Filippo Tapparelli con il suo “L’inverno di Giona”, edizioni Mondadori, vincitore del premio Calvino 2018. “Un romanzo – ha scritto la giuria del premio - in cui la verità si sfrangia in tanti rivoli, toccando i temi della colpa, del castigo, del lancinante bisogno di affetto e di stima”.
Il primo agosto Alan & Susan Boyle presenteranno “Spiriti delle Dolomiti” Leannta Publishing.
Sulle tracce dei viaggiatori dell’800, i due fratelli inglesi hanno seguito il percorso descritto nel libro “Untrodden Peaks and Unfrequented Valleys” dell’aristocratica connazionale Amelia B. Edwards, pubblicato nel 1873, e tradotto in italiano col titolo “Cime inviolate e valli sconosciute”.
Giovedì 8 agosto torna, anche per chi l’ha perso l’anno scorso, Andrea Vitali con  “Certe fortune: i casi del maresciallo Ernesto Maccadò”, edizioni Garzanti. Già alle prese con gli strani svenimenti della moglie Maristella che fatica ad ambientarsi, il maresciallo dovrà anche destreggiarsi tra una monta taurina, l'inaugurazione del nuovo tiro a segno e un turista tedesco chiuso a chiave nel bagno del battello. Anticipato a mercoledì 14 agosto l’incontro con Cristina Giordana con il suo libro: “Portami lassù: una storia vera di luce, amore e montagne”, edizioni Mondadori. È la storia vera di un ragazzo che sogna il Dhaulagiri, l’incidente che lo spezza, la catena degli affetti che riesce a “portarlo” fino in cima. Un racconto insieme puntuale e fantastico di una morte precoce che si trasforma in una scintilla di vita capace di scaldare i cuori e riaccendere gli affetti. Giovedì 22 agosto Valerio Aiolli presenterà “Nero ananas”, selezionato fra i 12 del Premio Strega. Un romanzo che nasce con il botto dell’attentato del 12 dicembre 1969 a Piazza Fontana, tra anarchici, politici devoti, servizi segreti. Quattro anni di destini intrecciati, di fughe, ritorni, amore e odio. Quattro anni incandescenti della storia d’Italia raccontati con sorprendente precisione e capacità evocativa.
Dulcis in fundo il successo di Francesco Filippi: “Mussolini ha fatto anche cose buone: le idiozie che continuano a circolare sul fascismo”, edito da Bollati Boringhieri e il 5 settembre, nell’ambito del progetto “Attivamente” il libro dell’attrice Gianna Coletti “Mamma a carico”, edito da Einaudi, la storia di un fenomeno generazionale che coinvolge sempre più donne alle prese con genitori non più autosufficienti.

Tutti gli appuntamenti sono alle ore 17.30 nell’aula magna del municipio di Predazzo. Seguirà l’aperitivo con i prodotti del commercio equo e solidale della bottega di Mandacarù.


Torna ai contenuti | Torna al menu