In ricordo di Francesco March - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

In ricordo di Francesco March

    
Questa mattina abbiamo sentito il suono della campana della chiesa che ci annunciava che qualcuno ci aveva lasciato… In questi giorni bui e tristi, nonostante il cielo sia di un azzurro intenso, apprendere che Francesco è andato in Cielo ci ha inondato il cuore di tristezza e nostalgia.

Il pensiero è andato subito al periodo in cui avevamo i figli piccoli, verso la fine degli anni novanta, quando nel mese di luglio la parrocchia organizzava due volte a settimana, il martedì e il giovedì, le gite del Grest.

Francesco era appena andato in pensione e aveva deciso di dedicare il suo tempo ai bambini e agli adolescenti di allora, era un uomo buono, sempre disponibile, specie con i nostri bambini: quante chiacchierate mentre si camminava, per far sentire meno la fatica!

Francesco insieme a Remo ed Edelino, era la nostra guida! Eravamo tante mamme e qualche papà con tanti bambini delle scuole elementari e medie e Francesco ci ha organizzato delle gite bellissime che hanno fatto conoscere ai nostri figli i posti meravigliosi dove abbiamo la fortuna di vivere ed ha fatto appassionare noi e le nostre famiglie alle gite a piedi in montagna. Si partiva alle 8.00 del mattino dalla piazza o dalla stazione delle corriere con lo zaino in spalla con i panini e le bibite per tutta la giornata, la felpa, la spolverina e anche l’ombrellino per essere pronti in caso di pioggia.
Abbiamo scorrazzato per le valli di Fiemme e Fassa fino ad arrivare anche fuori provincia: tipica era la gita a Pietralba, da passo Lavaze’, dove il parroco celebrava la Messa per tutti.
Francesco, sempre accompagnato dalla moglie Luigina, attento che tutti lo seguissero e che nessuno si trovasse in difficoltà… era una grandissima responsabilità la sua, ma per fortuna non è mai successo nulla.
Francesco ci dava il passo, in modo che nessuno rimanesse indietro, ci indicava le fermate per lo spuntino di mezza mattina, preceduto dalla preghiera e per il pranzo e i successivi giochi di gruppo e poi la partenza per il rientro a casa.

Da un po’ di anni Francesco non seguiva più questa attività, ma tutti in paese lo conoscevano e lo salutavano con affetto.
E’ brutto pensare che non potremo essere vicino a te e alla tua famiglia per l’ultimo saluto…Siamo però convinti che la Chiesa di Predazzo, in tempi normali sarebbe stata gremita di giovani che hanno passato parte delle loro estati della fanciullezza guidati da te fra le nostre montagne e i nostri boschi.  

Grazie Francesco per il tempo che ci hai dedicato, per la pazienza e la disponibilità che hai profuso a tutti noi, che la terra ti sia lieve. Buon riposo e da Lassù proteggi la tua famiglia e tutti noi!

Alcune mamme del Grest degli anni ‘90  -  Predazzo 4 aprile 2020

Torna ai contenuti | Torna al menu