Nuovo Riconoscimento per l’opera “Guant” del Museo Ladin de Fascia - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

Nuovo Riconoscimento per l’opera “Guant”
del Museo Ladin de Fascia
Premio Speciale della Giuria
al concorso Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” 2017

Nef recognosciment per l liber “Guant”
Pest spezièl de la Jurìa
al concors Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” 2017


Nei giorni scorsi sono stati resi noti i vincitori della trentacinquesima edizione del Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti”, prestigioso concorso dedicato alla letteratura di montagna, riconosciuto anche in ambito internazionale per il suo rigore scientifico e la qualità della giuria.  

Tra le numerose opere in concorso per la terna tematica di quest’anno, riservata alle sezioni “Montagna: cultura e civiltà”, “Esplorazione - viaggi” e “Finestra sulle Venezie”, la giuria ha assegnato all’unanimità il Premio Speciale della Giuria all’opera GUANT. L’abbigliamento tradizionale in Val di Fassa, edito dall’Istituto Culturale Ladino “majon di fascegn” a cura del direttore Fabio Chiocchetti.

Lusinghiere sono state le parole di motivazione: “Libro che incanta per la professionalità, per la completezza della realizzazione, per il fascino che l’argomento trattato emana […]. Raccolta poderosa sulla storia e sull’evoluzione dell’abbigliamento tradizionale della valle ladina di Fassa dalle origini fino ai giorni nostri. L’opera, in due tomi, 670 pagine e 700 illustrazioni, è straordinariamente ricca”.

La Giuria, composta da importanti personalità della cultura quali l’antropologo Dario Benetti, l’archeologa Loredana Capuis e la scrittrice Mirella Tenderini, nonché Francesco Vallerani, Alessandra Viola, Franco Viola e Italo Zandonella Callegher, ha inoltre sottolineato l’elevata e diffusa qualità delle opere in concorso, che non ha reso semplice la scelta.

La cerimonia ufficiale di premiazione si terrà sabato 18 novembre 2017 al Parco Gambrinus di San Polo di Piave (TV) dove, accanto al Premio Speciale andato alla ricerca fassana, saranno premiati, nelle rispettive sezioni Antonio Bortoluzzi con “Paesi alti”, Isabella Panfido con “Lagunario” e Alessandro Vanoli con “L’ignoto davanti a noi. Sognare terre lontane”.

Si tratta sicuramente di un ambito riconoscimento per un lavoro che ha impegnato per oltre tre anni il direttore Chiocchetti in prima persona ed una ricca équipe di ricercatori e studiosi interni all’Istituto (Daniela Brovadan, Martina Chiocchetti, Alberta Rossi, Mara Vadagnini) ed esterni (Claudia Dorigotti, Nives Iori, Herlinde Menardi, Enrica Micheluzzi, Cesare Poppi e Letizia Soldà), che hanno analizzato l’abbigliamento tradizionale sotto molteplici punti di vista. L’apprezzato risultato è riuscito ad illustrare in maniera completa e accattivante i caratteri dell’abito fassano, le sue diverse forme e tipologie, nonché l’evoluzione storica fino alla sua assunzione, in età moderna, a simbolo dell’identità ladina della comunità di Fassa, tuttora fortemente sentito dalla popolazione.

Enstadì l’é stat anunzià i venjidores de la trentacincheisema edizion del Pest Gambrinus “Giuseppe Mazzotti”, concors de gran prestije dedicà a la letradura da mont e recognosciù ence a livel internazionèl per sie rigor scientifich e la calità de la Jurìa.

Anter l gran numer de operes en concors per i trei argoments de chest an, resservé a la sezions “Montagna: cultura e civiltà”, “Esplorazione - viaggi” e “Finestra sulle Venezie”, la jurìa duta a una ge à conzedù l Pest Spezièl de la Jurìa a l’opera L Guant. L’abbigliamento tradizionale in Val di Fassa, dat fora da l’Istitut Cultural Ladin “majon di fascegn” a cura del diretor Fabio Chiocchetti.

De gran aprijiament l’é la paroles de la motivazion: “Liber che encanta per la profescionalità, per la completeza de la realisazion, per la beleza de l’argoment tratà [...]. Na regoeta gaerta su la storia e su l’evoluzion del guant te Fascia dai prumes tempes a anchecondì. L’opera, te doi volumes, 670 piates e 700 fotografìes, la é de na richeza fora de anter”.  

La Jurìa, che tolea ite personalitèdes de nonzech de la cultura desche l’antropologh Dario Benetti, l’archeologa Loredana Capuis e la scritora Mirella Tenderini, e amò apede Francesco  Vallerani, Alessandra Viola, Franco Viola e Italo Zandonella Callegher, l’à amò sotrissà l’auta calità de duta la operes en concors, e cerner i venjidores no l’é stat neto nia sorì.

La zerimonia ufizièla de premiazion sarà en sabeda ai 18 de november 2017 ló dal Parco Gambrinus de San Polo di Piave (TV) olache, apede al Pest spezièl vent da la enrescida fascèna, vegnirà premià, te la respetiva sezions, Antonio Bortoluzzi con “Paesi alti”, Isabella Panfido con “Lagunario” e Alessandro Vanoli con “L’ignoto davanti a noi. Sognare terre lontane”.

Se trata de segur de n gran recognosciment per n lurier che à tegnù ocupà per passa trei egn l diretor Chiocchetti en pruma persona e n bel grop de enrescidores e studiousc tant de l’Istitut (Daniela Brovadan, Martina Chiocchetti, Alberta Rossi, Mara Vadagnini) che de foravìa (Claudia Dorigotti, Nives Iori, Herlinde Menardi, Enrica Micheluzzi, Cesare Poppi e Letizia Soldà), che i à analisà l guant tradizionèl da desvalives ponts de veduda.

L’opera, dassen aprijièda, la é stata bona de portèr al luster a na vida percacenta duta la carateristiches del guant fascian, te sia desvaliva formes e tipologìes, sia evoluzion storica dal scomenz enscin aldidanché, olache l vegn durà desche simbol vif e fon de l’identità ladina de la comunanza de Fascia.

Torna ai contenuti | Torna al menu