Riapre la Biblioteca Comunale di Predazzo - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

RIAPRE
LA BIBLIOTECA COMUNALE DI PREDAZZO
La biblioteca comunale di Predazzo riapre. Dopo oltre due mesi di chiusura al pubblico, si riparte nel pomeriggio di venerdì 29 maggio, con regole ben precise, così da garantire la sicurezza di utenti e personale, nel rispetto delle direttive provinciali e nazionali e dell’Associazione Nazionale Biblioteche.

In questa prima fase l’orario sarà ridotto: la biblioteca sarà aperta solo il pomeriggio (dal martedì al sabato), con orario 15-18 per solo prestito e restituzione. Si entra uno alla volta, ovviamente indossando la mascherina. Il rispetto delle distanze mentre si è in attesa sarà facilitato da alcuni indicatori sul pavimento. È obbligatorio disinfettare mani e guanti con il gel sanificante messo a disposizione all’ingresso. È vietato l’ingresso a chi ha sintomi influenzali, febbre maggiore di 37,5, è in quarantena o in isolamento fiduciario o è entrato in contatto negli ultimi 14 giorni con presone positive al Covid-19. Per evitare assembramenti, gli utenti verranno invitati ad uscire dalla porta di servizio.

Per agevolare le operazioni di prestito, è consigliabile prenotare libri, dvd, cd, audiolibri, e-reader e riviste (anche l’ultimo numero uscito) via email (predazzo@biblio.info.tn.it), telefono (0462.501830) o Whatsapp (335.6565688). Dal sito della biblioteca è possibile accedere al Catalogo Bibliografico Trentino per verificare la disponibilità dei titoli desiderati. Visto che per il momento non sarà possibile accedere agli scaffali e nemmeno fermarsi, chi non sa cosa scegliere può affidarsi all’esperienza delle bibliotecarie, che prepareranno delle borse di libri “a sorpresa” suddivise per generi e daranno consigli di lettura sulla pagina Facebook e sul sito, proponendoli anche in cartaceo per i meno tecnologici. Per il momento non è attivo il servizio di prestito interbibliotecario.

Il materiale da restituire non va consegnato al bancone, ma va depositato nei contenitori posti all’ingresso della biblioteca, dove resterà in quarantena per una settimana e igienizzato prima di essere reso nuovamente disponibile. Le bibliotecarie fanno comunque sapere che non c’è urgenza di riconsegnare i libri presi prima del lock-down: le scadenze dei prestiti sono state congelate.

Rimane attivo il servizio di fotocopie, scansioni e stampe, quest’ultime da inviare preferibilmente via email. In questa prima fase, i servizi igienici non saranno accessibili all’utenza.

“Per riaprire la biblioteca, abbiamo atteso di poter garantire il servizio in sicurezza. Se c’è stato un lieve ritardo in questo, è dovuto alla difficoltà di reperimento dei dispositivi, come il plexiglass, molto richiesto in questo periodo. Ora siamo contenti di poter riaprire, dando alla cittadinanza di ogni età un servizio a cui è affezionata. È anche un segnale di ottimismo per un ritorno alla normalità anche per quanto riguarda il settore culturale”, è il commento dell’assessore alla Cultura Giovanni Aderenti.
Mentre la “biblioteca di oggi” riapre le porte, a poche decine di metri di distanza si lavora per costruire quella che sarà la “biblioteca di domani”: il cantiere a fianco dell’ex stazione ferroviaria, dopo il blocco forzato, ha ripreso a pieno ritmo. “L’edificio si sta delineando: si è ormai arrivati all’altezza dell’ultimo piano. La nuova biblioteca sarà pronta per l’estate 2021. Come già rimarcato in più occasioni, sarà basata su un concetto moderno. Vuole essere un luogo di incontro e confronto aperto a tutti, anche a coloro che oggi non frequentano regolarmente la biblioteca, che non deve essere vista come un luogo polveroso e statico, ma, al contrario, come una fucina di idee, di creatività, di innovazione”, conclude Aderenti.

addetto stampa: Monica Gabrielli - 340.8551994 - monicagabrielli@gmail.com

Torna ai contenuti | Torna al menu