I paleontologi d'Italia si riuniscono a Predazzo - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

I PALEONTOLOGI D’ITALIA SI RIUNISCONO A PREDAZZO
Proprio come nell’ottocento, quando l’albergo Nave d’Oro era luogo di incontro e confronto di importanti geologi, a Predazzo in questi giorni si sono riuniti ricercatori e studiosi di tutta Italia.



La XVIII edizione delle Giornate di Paleontologia, organizzata dalla Società Paleontologica Italiana (SPI), è stata, infatti, ospitata dal Muse di Trento, con un’innovativa formula itinerante che ha visto sessioni scientifiche nel capoluogo e a Predazzo, porta delle Dolomiti Unesco, con escursioni sul campo alla Gola del Bletterbach e visita al Museo Geologico delle Dolomiti. Proprio nelle sale del Museo di Predazzo è stata trasferita la biblioteca dell’Associazione Paleontologica Italiana, grazie a un’apposita convenzione firmata con il Muse, che ha ritenuto la sede di Predazzo il luogo ideale per ospitare questo importante archivio, che è stato completamente digitalizzato. Un centinaio gli iscritti alla SPI che hanno partecipato ai lavori del congresso e alle elezioni del nuovo direttivo dell’associazione, guidata negli ultimi tre anni da Lorenzo Rook, dell’Università degli Studi di Firenze.

La sindaca Maria Bosin e l’assessore alla cultura Giovanni Aderenti, dopo aver accolto e salutato i paleontologi, hanno ribadito l’importanza di questi eventi: “Quando abbiamo firmato la convenzione con il Muse per il Museo Geologico delle Dolomiti abbiamo voluto porre l’accento sulla necessità di rendere l’attività museale trasversale: è importante coinvolgere le famiglie e invogliare la gente comune a visitare l’allestimento permanente e le mostre temporanee, ma è altresì necessario mantenere alta l’attenzione del mondo scientifico sulle preziose collezioni del museo”. Il responsabile del Museo Geologico Riccardo Tomasoni ribadisce che la volontà del Muse è quella di rafforzare sempre più le occasioni di collaborazione con le università e gli enti di ricerca: “Le Dolomiti sono una vera e propria palestra per geologi e paleontologi. La ricerca, sul campo e sui preziosi reperti della collezione ospitata a Predazzo, va valorizzata e incentivata, solo così manterremo vivo e dinamico il Museo”.

addetto stampa: Monica Gabrielli - 340.8551994 - monicagabrielli@gmail.com

Torna ai contenuti | Torna al menu