Se arte ed economia si incontrassero, bando di partecipazione dell'Istituto Culturale Ladino - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento



“Se èrt e economia se scontrassa” l é l titol de la scomenzadiva che l Museo ladin a chela de fèr peèr via per valorisèr i artisć fascegn tras l’economia. La prejentazion del projet la sarà ai 16 de otober, aló da la ostaria-biraria Rampeèr, a Ciampedel.

Aló da Rampeèr l é jà da veder la mostra a la reversa “N scrign o na fiorn”, de l’artista Veronica Zanoner Piccoliori, averta dai 21 de aost ai 16 de otober. Con chesta colaborazion curiousa anter èrt del post e strutures economiches l Museo vel ge dèr l via al projet più gran de tor ite l teritorie te la valorisazion de l’èrt a na vida sinergica e originèla, col averjer n debatit identitèr e culturèl con sia jent.

A la mostra “N scrign o na fior” ge vegn dit a la reversa, ajache la perveit l’inaudazion ofizièla del alestiment la dì che la vegn serèda, olache l moment zentèl sarà l confront anter artisć e operatores economics, per projetèr ensema col Museo ladin la mostres del davegnir.
Descheche l é do che sozede a Rampeèr, i locai publics - ostaries, restoranc, boteighes, impianc portamont, e c. i. – i pel se portèr dant per doventèr na senta destachèda del Museo, col sporjer sia lèrga per meter fora la operes de n artist fascian. L obietif l é de ge dèr valor a l’identità del post, acioche nos fascegn, dantdaldut, recognosciassane e fossane stolc de noscia ladinità e di talenc de noscia jent.
Museo ladin e economia, zacan ensema, i lurarà envers n obietif nobol e medemo, con chela de portèr dant l’identità ladina te na colaborazion percacenta per tramidoi, che la podessa doventèr stabola tel lurèr fora tant la ativitèdes indentitèresculturèles che economiches sul teritorie.
Se te es n artist o n operator economich che à i requisic enjonté a chest avis, no spetèr a tor contat col Museo ladin e doventa protagonist de tia val.

REGOLAMENT PER TOR PÈRT E
DETAES DE LA SCOMENZADIVA
Con chela de arjonjer i obietives dic soravia, l Museo ladin de Fascia à chela de meter fora 2
mostres al an, a la fin de l’aisciuda a al scomenz del uton per presciapech doi meisc, metan ensema n artist e n operator economich, pean via dal 2022.

Requisic per tor pèrt per i artisć
Per tor pèrt al projet i artisć cogn aer chisc requisić:
  • a) vegnir da Fascia.
  • b) aer metù fora mostres individuèles o coletives, tout pèrt a competizions artistiches o simposiums de pitura, dessegn o zipièr (per chesta pruma fasa del projet l é stat cernù trei disciplines).
  • c) canche vegnarà endrezà la mostra, meter a la leta la operes selezionèdes dal Museo ladin per duta la regnèda del event.
  • d) canche vegnarà endrezà la mostra, consegnèr la stima del valor de la operes per ge dèr l met al Museo de sotscriver na arsegurazion aldò.

Requisic per tor pèrt al projet per i operatores economics
Ai operatores economics che à chela de tor pèrt al projet ge vegn domanà chisc requisic:
  • a) meter a la leta debant la lèrga e/o l post per la mostra, descheche vegnarà cordà coi referenc del Istitut ladin e del Museo, per duta la regnèda de la esposizion ti oraries de avertura del post cernù e per i tempes tecnics e de endrez che l é de besegn per meter fora e desfèr.
  • b) dèr l didament che fèsc de besegn per meter fora la mostra (zenza aboncont negun cost a sia cèria).
  • c) ge garantir ai ghesć de poder veder duta la mostra canche la strutura la é averta.
  • d) garantir che la lèrga metuda a la leta per la mostra la sie segurèda per responsabilità zivila contra terc.
  • e) garantir che sie semper fora i materièi de promozion ti posć pervedui per chest.
  • f) ge dèr lèrga a la zerimonia de inaudazion de la mostra e de conclujion, aldò de la modalitèdes cordèdes aboncont dantfora col Museo e col artist.
  • g) garantir che la operes no vegne portèdes demez o roinèdes.

L Museo ladin arsegura de ge stèr do a duc i intervenc e de paèr la speises per endrezèr, meter en esser e fèr cognoscer la mostra event. Tel menù, l Museo cognarà se ceruzièr de chisc intervenc:
  • a) pissèr e valorisèr la mostra, metan en esser n projet spezifich, lurà fora ence aldò de la
  • carateristiches originèles de la cobia artist-operator economich.
  • b) projetèr la mostra, cerner la operes e les portèr sul post.
  • c) sotscriver na arsegurazion con ite ence l trasport per la operes cernudes, aldò del valor stimà fat aer dal artist, che la pee via dal moment che les vegn consegnèdes enscin canche no les vegn dates de retorn.
  • d) endrezèr la ativitèdes coleèdes a la mostra e fates fora col artist e col operator economich.
  • e) fèr cognoscer la mostra enjignan i materiai de reclam e la campagna de reclam aldò.
  • f) meter fora e desfèr la mostra.
  • g) ge dèr de retorn la operes al paron col les portèr de retorn olache les é states toutes.

I sogec che se met a la leta per tor pèrt al projet “Se èrt e economia se scontrassa” garantesc de colaborèr ativamenter acioche la mostra e i evenc dintornvia garatee, vigniun aldò de sia encèria e de chel che vegn pervedù te chest avis.

Tempes
Envion i artisć fascegn a fèr a saer che i é enteressé a tor pèrt a la scomenzadiva, manan ite sie curriculum che l respete i requisic domané a la direzion museo@istladin.net.

Per tor pèrt a la scomenzadiva i operatores economics vegn envié e esser al event dai 16 de otober aló da la ostaria biraria Rampeèr, a Ciampedel; ve preon de ve prenotèr chiaman ite o manan ite n messaje whatsapp al Istitut cultural ladin sul numer de telefon 0462/764267.
Per de autra informazions chiamèr ite l Istitut sul medemo numer 0462/764267.

Ve speton de n muie!

“Se arte e economia si incontrassero” è il titolo dell’iniziativa che il Museo ladino intende intraprendere per valorizzare gli artisti fassani attraverso l’economia. Il lancio del progetto avrà luogo il 16 ottobre, presso l’osteria-birrificio Rampeèr, a Campitello di Fassa.
Presso Rampeèr è già allestita la mostra inversa “N scrign o na fior”, dell’artista ladina Veronica Zanoner Piccoliori, aperta dal 21 agosto al 16 ottobre. Con questo inusuale connubio fra arte locale e strutture economiche il Museo intende lanciare il progetto più ampio di coinvolgimento del territorio nella valorizzazione dell’arte in modo sinergico e originale, aprendo un dibattito identitario e culturale con la sua gente.
La mostra “N scrign o na fior” è definita inversa, poiché prevede l’inaugurazione ufficiale dell’allestimento il giorno della sua chiusura, che avrà appunto come momento centrale il confronto fra artisti e operatori economici, per progettare insieme al Museo ladino le mostre del futuro.
Come sta avvenendo a Rampeèr, i locali pubblici - bar, ristoranti, negozi, impianti di risalita, ecc - possono candidarsi per trasformarsi in sede staccata del Museo, offrendo i loro spazi per esporre le opere di un artista fassano. L’obiettivo è di valorizzare l’identità del luogo, affinché noi fassani, per primi, siamo consapevoli e fieri della nostra ladinità e dei talenti della nostra gente. Museo ladino e economia, finalmente insieme, lavoreranno in direzione di un obiettivo nobile e comune, per veicolare l’identità ladina in una sinergia win to win che potrebbe diventare consueta nel concepire sia le attività identitario-culturali che economiche sul territorio.
Se sei un artista o un operatore economico che risponde ai requisiti allegati a questo bando, non esitare a contattare il Museo ladino e diventa protagonista della tua valle.

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE
E DETTAGLI DELL’INIZIATIVA
Al fine di perseguire gli obiettivi sopra descritti, il Museo ladino di Fassa intende esporre 2 mostre all’anno, a fine primavera e a inizio autunno per una durata di circa due mesi, accoppiando un artista e un operatore economico, a partire dal 2022.

Requisiti di partecipazione per gli artisti
Per partecipare al progetto agli artisti si richiedono i seguenti requisiti:
  • a) provenienza ladina fassana.
  • b) avere in attivo mostre a solo o collettive, partecipazione a competizioni artistiche e simposi nell’arte pittorica, del disegno e scultorea (per questa prima fase del progetto sono state selezionate tre discipline).
  • c) al momento dell’allestimento, fornire le opere selezionate dal Museo ladino per tutta la durata della mostra.
  • d) al momento dell’allestimento, fornire la stima del valore delle opere al fine di permettere al Museo di stipulare apposita assicurazione.

Requisiti di partecipazione al progetto per gli operatori economici
Agli operatori economici che intendono partecipare al progetto sono richiesti i seguenti requisiti:
  • a) mettere a disposizione gratuitamente i locali e/o gli spazi per la mostra, come concordato con i referenti dell’Istituto ladino e del Museo, per tutta la durata dell’esposizione e per i tempi tecnici e organizzativi necessari per le operazioni di allestimento e disallestimento.
  • b) fornire il supporto necessario per l’allestimento della mostra (senza comunque alcun onere finanziario a suo carico).
  • c) garantire agli ospiti la possibilità di visitare tutta la mostra negli orari di apertura del locale.
  • d) garantire la copertura assicurativa degli spazi espositivi per responsabilità civile verso terzi.
  • e) garantire la presenza dei materiali promozionali nei luoghi ad essi adibiti.
  • f) ospitare la cerimonia di inaugurazione della mostra e di chiusura, secondo le modalità comunque concordate previamente con il Museo e con l’artista.
  • g) garantire che le opere non vengano rimosse o rovinate.

Il Museo ladino si impegna a provvedere a propria cura e spese ad ogni incombenza relativa all’organizzazione, realizzazione e pubblicizzazione della mostra evento. Nello specifico, il Museo dovrà provvedere ai seguenti adempimenti:
  • a) ideare e valorizzare le mostre attraverso la realizzazione di un progetto specifico, concepito anche sulla base delle caratteristiche originali dell’accoppiamento artista operatore economico.
  • b) progettare l’allestimento, selezionare le opere e trasportarle in loco.
  • c) assicurare le opere individuate da chiodo a chiodo, sulla base del valore stimato fornito dall’artista, con decorrenza dal momento del ritiro al momento della riconsegna.
  • d) organizzare le attività di cornice alla mostra concordandole con l’artista e l’operatore economico.
  • e) promuovere la mostra realizzando i materiali pubblicitari e la campagna pubblicitaria ad essa riferiti.
  • f) allestire e smontare la mostra.
  • g) restituire le opere al proprietario, trasportandole nel luogo dove sono state ritirate.

Le parti che esprimono la loro disponibilità a partecipare al progetto “Se èrt e economia se scontrassa” si impegnano a collaborare fattivamente alla riuscita della mostra e degli eventi ad essa riferiti, ciascuna nelle sue facoltà e secondo quanto previsto da questo bando.

Tempistiche
Si invitano gli artisti fassani a comunicare il loro interesse a partecipare all’iniziativa, inviando il proprio curriculum rispondente ai requisiti necessari alla partecipazione all’indirizzo mail museo@istladin.net.

Per partecipare all’iniziativa tutti gli operatori economici sono invitati a presenziare direttamente all’evento del 16 ottobre presso l’osteria birrificio Rampeèr, a Campitello di Fassa; è gradita la prenotazione telefonando o inviando un messaggio whatsapp all’Istituto culturale ladino al numero di telefono 0462/764267.
Per ulteriori informazioni chiamare l’Istituto ladino allo stesso numero 0462/764267.

Vi aspettiamo numerosi!

ISTITUT CULTURAL LADIN “majon di fascegn”
Strada de la Pieif - Loc. San Giovanni / Sèn Jan 38039 Vigo di Fassa / Vich (Tn)
tel. 0462 764267 – www.istladin.net

MUSEO LADIN DE FASCIA
Strada de Sèn Jan - Loc. San Giovanni / Sèn Jan 38039 Vigo di Fassa / Vich (Tn)
tel. 0462 760182 – museo@istladin.net

Torna ai contenuti | Torna al menu