La Villa Madonna del Fuoco di Lago di Tesero ha ricordato i 30 anni di vita - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

La Villa Madonna del Fuoco di Lago di Tesero
ha ricordato i 30 anni di vita
Folta partecipazione, Monsignor Mazza ha benedetto le opere di Loris Paluselli



Domenica 29 Luglio 2018, si è svolta con un numeroso pubblico la serata “Ciò che ha un’anima non muore mai”. Per Villa Madonna del Fuoco, a Lago di Tesero, è stata occasione per ricordare i suoi 30 anni di vita. Grazie all’organizzazione curata dal Centro Turistico Giovanile Forlivese e dal Gruppo CTG “Terre Alte”, questa ricorrenza è divenuta occasione anche per fare memoria di Meraldo Borghini, scomparso il 26 Luglio, per anni collaboratore della Villa.
Nella celebrazione eucaristica, il celebrante mons. Carlo Mazza (Vescovo Delegato per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della Conferenza Episcopale dell’Emilia Romagna) ha voluto ricordare l’importanza di vivere il tempo delle ferie come occasione anche per riflettere e ammirare le bellezze del creato. E’ seguita la benedizione della Madonnina e della celletta lignea, opere realizzate da Loris Paluselli, artista di Ziano di Fiemme.
Tra le numerose persone presenti, hanno partecipato anche la Sindaca di Tesero, Elena Ceschini e pure la Presidentessa provinciale della SAT, Anna Facchini.
Dopo il rinfresco, la serata è entrata nel vivo. A condurla in modo vivace, è stata la giornalista pubblicista Chiara Paoli. Vi sono stati gli interventi di Don Bruno Daprà, Parroco di Tesero, poi Maria Pia Valentini presidente del Comitato Val di Fiemme dell’Associazione “Aiutiamoli a vivere” ed infine Maria Teresa Caurla presidentessa del Gruppo CTG Lusia di Predazzo.
Si è data lettura dei messaggi inviati dal Presidente Nazionale del CTG, Fabio Salandini e dal Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Trento, Don Marco Saiani.

Dopo il saluto delle autorità, Michele Malfer ha parlato del tema "giovani e volontariato" indicando l'importanza di operare per il bene comune, cercando di superare gli "ismi" che limitano talvolta l'azione educativa. Poi è toccato ai coniugi Lucia e Marco Matassoni di Rovereto, offrire una riflessione sull'argomento "famiglia e tempo libero", invitando a riservare del tempo alle relazioni tra persone, anche pensando alla "festa" intesa come momento che ristora e aiuta a superare le fatiche quotidiane.



Sono stati consegnati doni speciali a Don Bruno Daprà e Michele Malfer, per il grande aiuto e collaborazione già nel 1° Festival delle Terre Alte. Ulteriori riconoscimenti anche per i coniugi Matassoni e mons. Carlo Mazza.
Al termine della serata, Piero Sabbatani (Vice Presidente del Centro Turistico Giovanile Forlivese), ha presentato il sito web della Villa e ne ha raccontato la storia, ricordando anche il grande impegno del fondatore Don Guido Sansavini, e dei compianti collaboratori Alberto Armuzzi, Roberto Sansavini, Meraldo Borghini. E' seguita la proiezione del suggestivo filmato "Posa della croce sullo Scaliaret", un'esperienza svoltasi nel 1971.
Una serata ricca di emozioni e di ricordi, che aiuterà a proseguire il cammino e rafforzerà il legame di amicizia anche tra Gruppi CTG.
Villa Madonna del Fuoco è una casa per ferie, in cui possono soggiornare anche gruppi parrocchiali, associazioni e quanti volessero vivere un fine settimana o più giorni o settimane, in un clima di fraternità ed amicizia. Per ulteriori informazioni: cellulare 348-1116638, sito web www.villamadonnadelfuoco.it, e-mail: villamadonnadelfuoco@libero.it
Ai piedi del Lagorai, le iniziative non mancheranno. E già si pensa al 2019, per offrire dei momenti culturali e di tempo libero, in un clima gioioso e di fraternità. E così davvero, ancora una volta, ciò che ha un’anima non morirà mai.

Per ulteriori informazioni: cell. 389-8703984, E-Mail: terrealte@ctg.it, Pagina Facebook Gruppo CTG “Terre Alte”, Pagina Instagram Gruppo CTG Terre Alte.

Torna ai contenuti | Torna al menu