Aisciuda ladina – Festival del lengaz, 9^ edizione dal primo al 6 maggio - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

COMUNICATO STAMPA

Aisciuda ladina – Festival del lengaz
dal primo al 6 maggio 2017



È in arrivo la nona edizione dell’Aisciuda ladina 2017. Dal primo al 6 maggio l’iniziativa del Comun general per valorizzare e promuovere la lingua ladina animerà la Val di Fassa con un argomento particolarmente apprezzato: il teatro come laboratorio di lingua e identità. Commedie e momenti di approfondimento per grandi e bambini. E un premio per chi parteciperà alla maggior parte delle iniziative della settimana.

Aisciuda ladina. Questa iniziativa fa riferimento a un momento storico, il 5 maggio 1920, quando per la prima volta i ladini del Sella si sono radunati al Passo Gardena al fine di dimostrare di essere un popolo unico per lingua, storia e cultura.

Sei giorni, da lunedì primo maggio a sabato 6 maggio, che il Comun general – con la collaborazione dell’Union di ladins de Fascia, la Scuola ladina, l’Istituto culturale ladino “Majon di fascegn”, e con la partecipazione finanziaria della Regione Trentino-Alto Adige – dedicherà alla lingua e all’identità ladina, questa volta nei teatri di Fassa e con le filodrammatiche come protagoniste.
Un momento di festa, ma anche di riflessione sul valore della lingua e dell’identità di minoranza, con l’obiettivo di proporre attraverso l’arte teatrale l’essere ladini. Recitare significa comunicare emozione e confrontarsi, è anche un gioco didattico per imparare lingue diverse, proprio come accade nei gruppi teatrali fassani: attori non ladini si cimentano con questa lingua per impararla e per integrarsi nella comunità. Soprattutto però l’Aisciuda ladina è un momento per stare assieme nel nome dell’identità, tutti i fassani sono invitati a essere protagonisti di questa settimana loro dedicata.

Lunedì primo maggio, alle 15.00, presso l’oratorio di Pozza, un’anteprima dell’Aisciuda tutta dedicata ai bambini e alle loro famiglie con lo Spettacolo di giocoleria organizzato dai giovani del progetto la Risola “Circensema”. Ospite d’onore sarà Bertol, la vivace mascotte dell’Aisciuda e della politica linguistica fassana. Alle 18.00, presso la Scola veies di Penia, culla delle mascherèdes e del teatro fassano, l’apertura ufficiale della settimana e frammenti di storia del teatro fassano a cura di Monica Cigolla. In questa occasione le filodrammatiche riceveranno un segno di riconoscimento per la loro attività e per il loro impegno nel preservare la lingua ladina. E alle 20.30 la prima di una serie di commedie che animeranno tutta la settimana: il Grop de la mèscres de Dèlba e Penìa presenterà “Na sera de Carnascèr”, di Simon de Giulio.

Martedì 2 maggio, alle 20.30, a Soraga, presso la Gran Ciasa, la Mizacoles di Campitello presenteranno “Na cèsa de strambes”, sempre del grande autore di mascherèdes fassane, Simon de Giulio.

Mercoledì 3 maggio, alle 20.30, presso il teatro di Campitello, i Amisc del teater di Moena presenteranno “Voleve ben dir”, di Enrica Jellici “Mantino”.

Per giovedì 4 maggio, alle 20.00, presso l’Agritur Majon da Mont a Vigo di Fassa, il Comun general de Fascia ha organizzato un momento di riflessione sul teatro ladino come mezzo per comunicare la ladinità anche ai turisti, un approfondimento con l’attore badiotto Simon Kostner per attori di teatro fassani e anche per gli interessati.

Venerdì 5 maggio, presso l’oratorio di Moena alle 20.30, i Bontemponi di Pozza presenteranno “Domane la cèsa Itea”, di Loredana Cont.

L’Aisciuda ladina si chiuderà il 6 maggio, alle 15.00, presso il Cinema Marmolada di Canazei con lo spettacolo “Fascia has got talent”, con la collaborazione di Alessandro Arici e del Laboratorio Ensema de la Scola Veies di Campitello e, alle 20.30, presso l’oratorio di Pozza, con la commedia “Grandhotel Valfassa”, di Germano Basile, presentata dal gruppo teatrale VIF della Scuola di Fassa.

E ancora, nelle scuole e nelle scuole materne sempre teatro e festa per celebrare l’Aisciuda ladina con Bertol.

Al fine di animare ulteriormente la settimana e la partecipazione il Comun general lancia una sfida a tutti i suoi cittadini: presso l’Ufficio Servizi linguistici e culturali e nelle sedi delle iniziative sarà distribuita una tessera di raccolta di timbri per tutte le manifestazioni dell’Aisciuda. Chi parteciperà a più spettacoli potrà ricevere un prezioso premio ladino.

------------------------------------------

    
Pea via la nona edizion de l’Aisciuda ladina 2017. Dal prum ai 6 de mé la scomenzadiva del Comun general per ge dèr luster e gaissa al lengaz ladin viventarà Fascia con n argoment zis gustegol: l teater desche laboratorie de lengaz e identità. Comedies e moments de aprofondiment per jent grana e pìcioi. E n pest per chi che tolarà pèrt a la maor pèrt la scomenzadives de la setemèna.

Aisciuda Ladina. Chesta scomenzadiva fèsc referiment a n moment storich, avisa ai 5 de mé del 1920, canche per la pruma outa i ladins che stèsc dintorn al Sela se à binà sun Frea con chela de palesèr de esser n popul soul, aldò de sie lengaz, sia storia e sia cultura.

Sie dis, da en lunesc prum de mé a en sabeda ai 6 de mé, che l Comun general - co la colaborazion de l’Union di ladins de Fascia, la Scola ladina, l’Istitut cultural ladin “Majon di fascegn”, e col didament finanzièl de la Region Trentin-Sudtirol – ge dedicarà al lengaz e a l’identità ladina, instouta delaìte dai teatres de Fascia e con i gropes de teater desche protagonisć.
N moment de festa, ma ence de reflescion sul valor del lengaz e de la identità de mendranza, con chela de portèr dant tras l’èrt teatrèla l’esser ladins. Spilenèr vel dir comunicazion de la emozions e confront, l’é ence n jech didatich per emparèr lengac desvalives, e ti gropes de teater de Fascia l’é apontin ence chest: atores no ladins che se dèsc jù con chest lengaz per l’emparèr e per se fèr ite te la comunanza. Ma soraldut l’Aisciuda ladina l’é n moment per stèr adum te l’inom de l’identità, duc i fascegn é envié a esser protagonisć de chesta setemèna dedichèda a ic.

En lunesc prum de mé, da les 3 dò marena, te oratorie de Poza, na antepruma de l’Aisciuda duta dedichèda ai bec e a sia families col Spetacol de jocolerìa endrezà dai joegn del projet de la Risola “Circensema”. Ghest de onor sarà Bertol, la mascotte feruscola de l’Aisciuda e de la politica linguistica fascèna. Da les 6 da sera, ta la Scola veies de Penìa, cuna de la mascherèdes e del teater fascian, l’avertura ofizièla de la setemèna, col moment istituzionèl e mizacoles de storia del teater fascian a cura de Monica Cigolla. Te chesta ocajion i gropes de teater ciaparà n recognosciment per sia atività e per se dèr jù per stravardèr l lengaz ladin. E da mesa les 9 da sera la pruma de na lingia de comedies che viventarà duta la setemèna: l Grop de la mèscres de Dèlba e Penìa portarà dant “Na sera de Carnascèr”, de Simon de Giulio.

En mèrtesc ai 2 de mé, da mesa les 9 da sera, a Soraga, te la Gran Ciasa, la Mizàcoles da Ciampedel portarà dant “Na cèsa de strambes”, semper del gran autor de mascherèdes fascènes, Simon de Giulio.

En mercol ai 3 de mé, da mesa les 9 da sera, te teater de Ciampedel, i Amisc del teater da Moena portarà dant “Voleve ben dir!”, de Enrica Jellici “Mantino”.

Per en jebia ai 4 de mé, da les 8 da sera, aló da l’agritur Majon da Mont a Vich, l Comun general de Fascia à endrezà n moment de reflescion sul teater ladin desche met per ge palesèr la ladinità ence ai chi che vegn da foradecà, n aprofondiment co l’ator badiot Simon Kostner per atores de teater de Fascia e ence per chi che à gust.

En vender ai 5 de mé, te oratorie de Moena da mesa les 9 da sera, i Bontemponi da Poza portarà dant “Domane la cèsa Itea”, de Loredana Cont.

L’Aisciuda ladina se serarà sù ai 6 de mé, da les 3 dò merena, te Chino Marmolèda de Cianacei col spetacol “Fascia has got talent”, co la colaborazion de Alessandro Arici e del Laboratorie ensema de la Scola veies de Ciampedel e, da mesa les 9 da sera, te oratorie de Poza, co la comedia “Grandhotel Valfassa”, de Germano Basile, portèda dant dal grop de teater VIF de la Scola de Fascia.

Amò apede, te la scoles e la scolines semper teater e festa per zelebrèr l’Aisciuda ladina con Bertol.

Per viventèr amò de più la setemèna e la partezipazion l Comun general ge porta dant a duc sie sentadins na endesfida: aló da l’Ofize di Servijes linguistics e culturèi e te la sentes de la scomenzadives vegnarà dat fora na tessera de regoeta de stempei per duta la manifestazions de l’Aisciuda. Chi che tolarà pèrt a più spetacoi podarà ciapèr n bel pest ladin.

------------------------------------------

PER MAGGIORI INFORMAZIONI - PER MAOR INFORMAZIONS
Comun general de Fascia
Servizi linguistici e culturali - Servijes linguistics e culturèi
Str. di Pré de gejia, 2 - 38036 – POZA (TN)
tel 0462-762158 - fax 0462-763046
Torna ai contenuti | Torna al menu