Cavalese ricorda i Caduti della Grande Guerra - Fiemme e Fassa - aziende, eventi, cinema, notizie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Notizie > Approfondimento

Cavalese ricorda i Caduti della Grande Guerra
La cerimonia si è tenuta sabato 3 novembre 2018 alle ore 19:00 presso il monumento dei Caduti di Cavalese, in concomitanza a quanto fatto da molte sezioni e gruppi d'Italia, curata dall'Associazione Alpini di Cavalese



Alla vigilia della tradizionale cerimonia dei Caduti, quest'anno vi è stato un momento commemorativo, organizzato dal gruppo ANA di Cavalese, in recepimento dell'invito formulato dal Presidente Nazionale Sebastiano Favero. A cent'anni dalla fine della Grande Guerra, l'Associazione Nazionale Alpini ha invitato le sezioni ed i gruppi, nella doverosa intenzione di sottolineare i sacrifici e le sofferenze vissute dai soldati e dalle popolazioni durante il conflitto, a svolgere particolari momenti di ricordo.

Tra questi la proposta di ritrovarsi alle ore 19:00 del giorno 3 novembre 2018 davanti al Monumento che ricorda i Caduti di tutte le guerre, presente presso ogni singolo Comune di appartenenza, per tenere fede all'impegno preso ed inciso sulla Colonna Mozza dell'Ortigara "per non dimenticare". Anche Cavalese ha aderito all'iniziativa ed ha letto, quindi, durante la cerimonia, il messaggio inviato dal Presidente Nazionale in ricordo dei Caduti di tutte le guerre e dei Caduti di ogni parte, morti nel compimento del loro dovere, sacrificati per permettere oggi a noi di vivere in una Italia e in un mondo migliore.

L'assessore alla cultura del Comune di Cavalese, Ornella Vanzo, intervenuta alla cerimonia, ha speso parole di stima e riconoscenza per gli Alpini, soprattutto per il gruppo di Cavalese, prezioso riferimento per l'intero tessuto sociale, ricordando come molti dei combattenti della Prima Guerra Mondiale impegnati nelle zone di montagna appartenevano proprio al Corpo degli Alpini, scelti per le grandi attitudini alla fatica, all'obbedienza, per la conoscenza del territorio, per la capacità di spostarsi nelle zone in quota e di sopportare il clima rigido.

Un bel momento per ricordare i Caduti e per tenere vivi valori come la Famiglia, la Patria, il senso del dovere del sacrificio, l'onestà, la millenaria civiltà Cristiana che l'Associazione Alpini si impegna tutt'oggi a trasmettere.

Torna ai contenuti | Torna al menu